banner
La SISVET si rinnova!
Medicina Veterinaria Unica, Internazionalità, Qualità della Ricerca e della Didattica
lettera ai Soci SISVET, ai Professori e Ricercatori dell’Università, ai Colleghi della Sanità Pubblica Veterinaria e ai Professionisti che si interessano di Ricerca e Formazione nell’ambito delle Scienze Medico Veterinarie.
Carissimi,
La SISVET è la Società Scientifica Veterinaria più antica d’Italia, nata nel 1946 e magistralmente diretta, nei decenni successivi, dai protagonisti dell’Accademia e della Sanità Pubblica.
Sebbene sia un irrinunciabile interlocutore ed un riferimento fondamentale per la Medicina Veterinaria italiana, negli ultimi anni l’interesse per la Società è diminuito sia per la progressiva diversificazione dei vari settori disciplinari della Medicina Veterinaria sia per il mancato adeguamento ai valori e riferimenti del moderno mondo della ricerca.

I nuovi obiettivi della SISVET
Il nuovo Direttivo, in carica dal 1° gennaio 2013, ha riconsiderato il ruolo e gli obiettivi della SISVET definendo le seguenti priorità:
  • Medicina Veterinaria Unica: la Società dovrà fungere da collante fra le varie componenti del mondo delle Scienze Medico Veterinarie, cercando di rafforzarne il ruolo politico;
  • Internazionalità: la Società dovrà assumere una dimensione internazionale, sia nei confronti dei Paesi emergenti sia di quelli avanzati;
  • Qualità della ricerca: il ruolo della Società sarà di indirizzare i giovani ricercatori verso una produzione scientifica di livello internazionale e di qualità elevata;
  • Qualità della didattica: particolare attenzione ed energie saranno dedicate a percorsi di miglioramento della didattica, anche con iniziative itineranti;
  • Trasparenza: i verbali ed i bilanci saranno a disposizione sul sito della SISVET e gli utili investiti nella formazione delle nuove leve di ricercatori.

A fianco delle molte Società Scientifiche italiane che si occupano di specifici segmenti della Medicina Veterinaria, la SISVET deve rappresentare il punto d’incontro tra i nuovi Dipartimenti Universitari, il MIUR (CUN), la Veterinaria Pubblica (Ministero della Salute, Istituti Zooprofilattici, ASL), i Sindacati e la Professione, entità le cui finalità spesso coincidono e necessitano sempre più di integrazione e sinergia.
La formazione delle nuove leve di ricercatori, sul versante della ricerca e della didattica, è prioritaria sia per l’Università sia per la Medicina Veterinaria Pubblica. Tale obiettivo si può conseguire tramite accordi finalizzati alla progettazione di percorsi condivisi di: Dottorato di Ricerca, Scuole di Specializzazione, Master, itinerari per la preparazione agli esami dei College Europei e corsi per migliorare la qualità dell’insegnamento universitario.
Con il supporto dell’Università e della Sanità Pubblica, la SISVET può contribuire alla formazione dei ricercatori e promuovere la ricerca di qualità, tale da consentire la crescita culturale e produttiva, con il naturale sbocco nella pubblicazione dei lavori scientifici su riviste di prestigio.
Gli obiettivi prioritari della nuova Società, citati in precedenza, comprenderanno l’organizzazione di Convegni a costi ridotti e il reinvestimento degli utili in premi, borse di studio e incentivi per i giovani ricercatori.
La SISVET intende riprendere un dialogo costruttivo con le altre Società Scientifiche alla ricerca di un assetto finale compatibile con le attuali esigenze della ricerca e della didattica, a beneficio della Medicina Veterinaria Unica Italiana.

Partecipare alla SISVET
I soci rappresentano la forza della SISVET e solo una Società autorevole può dare risposte concrete alle aspettative e alle istanze del mondo veterinario. Occorre quindi irrobustirla aderendo ai suoi programmi e contribuendo alla loro realizzazione.
Per favorire il più alto numero di associazioni il Consiglio Direttivo ha deliberato di ripartire dall’anno zero, pertanto non saranno chiesti gli arretrati ai soci che intendono rientrare e sarà applicata una quota agevolata a coloro che si iscrivono per la prima volta.
Inoltre, per i soci che si iscriveranno al Convegno annuale è prevista una riduzione sulla quota societaria per l’anno successivo.
Una particolare riduzione dell’iscrizione al Convegno annuale sarà applicata agli strutturati della stessa sede e dello stesso settore disciplinare (ex VET e AGR).
I giovani ricercatori non strutturati (dottorandi, assegnisti di ricerca, borsisti, studenti delle Scuole di Specializzazione e dei Master) usufruiranno di forti riduzioni delle quote di iscrizione alla Società e ai Convegni SISVET.

 
Il Presidente
Bartolomeo Biolatti
 
Il Consiglio Direttivo
prof. Antonio Crovace - Vice Presidente
Dott. Giovanni Loris Alborali - Componente
prof. Fausto Cairoli - Componente
prof. Adriana Ianieri - Componente
prof. Gaetano Oliva - Componente
prof. Carlo Tamanini - Componente
prof. Ezio Ferroglio - Segretario Generale
Dott. Giuseppe Re - Tesoriere
 
Il Comitato Scientifico
prof.ssa Adriana Ferlazzo - Presidente
Dott. Avellini Luca- Componente
Prof. Cenci Goga Beniamino Terzo - Componente
Prof. Cringoli Giuseppe - Componente
Prof. Famigli Bergamini Paolo - Componente
Prof. Marsilio Fulvio - Componente
Prof. Mechelli Luca - Componente
Dott. Moniello Giuseppe - Componente
Prof.ssa Montesissa Clara - Componente
Prof. Nanni Costa Leonardo - Componente
Prof. Panu Rino - Componente
Prof. Romagnoli Stefano - Componente
Prof. Sanna Passino Eraldo - Componente
Prof. Scanziani Eugenio - Componente
Prof. Vita Alberto - Componente